Rossini Art Site è un parco di sculture di 10 ettari, adagiato tra i colli briantei, nel cuore verde del parco della Valle del Lambro. Proprio la sua posizione suggestiva ed il panorama mozzafiato che si schiude sulle Alpi con vedute incredibili e mutevoli, l’hanno reso il luogo ideale scelto dall’imprenditore e mecenate Alberto Rossini per ospitare la sua collezione di arte del Secondo Novecento, tra cui sono spiccano opere di artisti di fama internazionale come Pietro Consagra, Bruno Munari, Giò Pomodoro, Fausto Melotti, Andrea Cascella e Grazia Varisco, per citarne alcuni.

Rossini Art Site riflette in molti aspetti il desiderio del suo fondatore di creare uno spazio flessibile ed accogliente, un luogo in cui un pubblico vasto ed eterogeneo è invitato a sperimentare un’esperienza non convenzionale dell’arte moderna e contemporanea, senza rinunciare all’aspetto ludico di una giornata all’aperto, immersi nella natura di un luogo incantevole e pacifico, con la sua flora e la sua fauna. La vegetazione del parco è strettamente autoctona – querce, noccioli e carpini – e, sia il panorama di campi agricoli, che gli animali allevati all’interno del parco stesso, riportano alla mente la natura più autentica del territorio. Questo è il luogo scelto da Alberto Rossini per collocare la sua prestigiosa collezione di sculture, in continuità fra le sue innumerevoli passioni, senza creare una barriera rigida o elitaria, bensì attraverso un linguaggio comune, all’insegna della bellezza. Rossini Art Site offre l’occasione di una passeggiata rilassante in mezzo alla natura e propone un programma di attività e corsi didattici per grandi e piccini.

Fulcro del luogo è certamente il pavilion di accesso al parco, progettato dallo studio SITE e dall’architetto newyorkese James Wines, esponente della Green Architecture, maestro di design ambientale e dell’architettura organica, che ha dato vita a Briosco ad un progetto in grado di dialogare perfettamente con il territorio circostante, integrando arte, ambiente e architettura in un unico concetto.

Il parco mantiene oggi la sua vocazione dinamica e mutevole, aperta a recepire stimoli sempre nuovi attraverso l’acquisizione di opere e la collaborazione con artisti di fama internazionale.

La Fondazione Pietro Rossini, sotto la direzione artistica di Francesca Guerisoli, offre un programma di mostre e iniziative relative agli artisti della collezione permanente, si occupa della promozione dell’arte contemporanea, dell’architettura, del design e della formazione artistica, in particolare attraverso la realizzazione di performance e opere temporanee presso il parco del Rossini Art Site.

Rossini Art Site, a mezz’ora da Milano, è facilmente raggiungibile in automobile attraverso la SS36, che collega la città al vicino Lago di Como. Nei dintorni si snodano un’infinità di sentieri e percorsi ciclabili che collegano il sito a luoghi di interesse storico, come la Fornace Artistica Riva di Briosco, la pieve romanica di Agliate o l’oasi naturalistica dei Cariggi. Costeggiando il fiume e le Bevere nella Valle del Lambro è possibile riscoprire bellissime cascine ed il volto autentico della Brianza, da approfondire attraverso gli itinerari enogastronomici nella vicina Montevecchia o una visita della vicina città di Monza, che si configura tappa ideale del tour, con la neoclassica Villa Reale, realizzata dal Piermarini per volontà di Maria Teresa D’Austria, oggi sede di grandi mostre nel parco più grande d’Europa, con il Duomo e ed il suo Tesoro, con la Corona Ferrea e la Cappella degli Zavattari, da molti ricordata come la Sistina del Nord Italia, istoriata con le vicende della regina Teodolinda.

L’attigua foresteria lombarda LEAR Gourmet & Relais offre la possibilità di degustare ottimi piatti della tradizione in un’atmosfera ricercata e di soggiornare a pochi passi da Rossini Art Site, per offrire ai visitatori un weekend all’insegna del turismo sostenibile, alla scoperta dei sapori genuini, della della natura e della bellezza.